Thumbnail preview

Ricerca e Contenuto : Che cosa ci riserva il futuro delle Relazioni Pubbliche?

28 marzo 2014 Relazioni Pubbliche 0 Scritto da admin

PR inbound, content marketing, Comunicazione 2.0 . In qualsiasi modo venga chiamata, la comunicazione nell’era di Internet si focalizza sempre più nella creazione di contenuti unici, perché possano predominare nei risultati dei motori di ricerca.
Anche i professionisti in questa disciplina emergente stanno affrontando ciò che Jeff MacGurn – dell’agenzia di search marketing Covario – chiama “la frammentazione del social”. Con le richerche che si focalizzano sempre più sui social media, e i consumatori più giovani che abbandonano Facebook per i social network di nicchia, la sfida di creare contenuti rilevanti è più difficile che mai.

Secondo Tom Salmon , direttore dell’agenzia di marketing digitale Epiphany, “stiamo assistendo al lancio di una confusa messe di diversi contenitori digitali. La fusione di SEO, Comunicazione Social e Relazioni Pubbliche è un sintomo di questo cambio e rappresenta un fatto fondamentale, che riposiziona il consumatore al centro del marketing digitale “.

Cosa significa questo movimento sismico per i comunicatori ? Che tipo di contenuti dominerà il futuro delle PR?

IL FUTURO DEI CONTENUTI È…

Colloquiale

Audio e video possono essere il contenuto più coinvolgente del web, ma l’ambito in cui risiedono è ancora fatto di parole: titoli, descrizioni, tag e codici. Non importa chi sia il re del contenuto, il trono su cui siede è ancora plasmato dalla parola scritta . Fino a poco tempo fa per trovare i video che volessimo vedere – e per capire il loro contesto – dovevamo scrivere e leggere.
Ora la tecnologia “portabile” – un mercato per il quale si prevede di superare i 4 miliardi di euro entro il 2016 – sta per cambiare tutto. La ricerca tramite Google Glass è al 100% basata sulla voce e l’ascolto dei risultati è molto più facile che la loro lettura . Gli utenti di questi occhiali non utilizzano parole chiave, fanno domande e si aspettano risposte concrete, ben scandite in una lingua che comprendono.

Ciò significa, ora più che mai, che i responsabili delle Relazioni Pubbliche devono concentrarsi sulla redazione di contenuti che si accordino con il sentiment e l’interesse del loro target di riferimento. Anche se stai “solo” scrivendo una didascalia per presentare un video, la tecnica da buon scrittore di leggere le tue parole ad alta voce è oggi più importante che mai. Oltretutto, i PR dovranno trasformarsi in linguisti dilettanti: studiare gerghi e slang, e adattare la comunicazione al modo in cui la “gente vera” parla ogni giorno.

Contestuale

Come Jeff MacGurn ha dimostrato , il contesto è tutto. MacGurn ha realizzato uno studio sui contenuti virali, provando che il sentiment della gente verso un soggetto varia di molto a seconda del contesto in cui viene mostrato. Si può essere indifferenti all’immagine di una mountain bike, fino a quando in una didascalia viene aggiunta una frase come: “La mia ultima nuova bicicletta! Ho un tumore al cervello incurabile, e in 15 ore ho un volo di sola andata a Singapore. Ho intenzione di andare in giro per il mondo fino a quando ne avrò le forze. ”

Nello stesso modo in cui i responsabili delle PR sanno misurare il sentiment di una rassegna stampa calcolando le colonne di testo occupate, chi che si occupa di posizionamento su media digitali e social dovrebbe puntare la sua attenzione verso il contesto dei contenuti. Piuttosto che insistere con un’attività “seminatrice” diretta agli influencer, i comunicatori dovrebbero permettere loro di co- creare contenuti che ritengano significativi. Fai agli influencer un regalo che li lusinghi, e ti sapranno ricompensare. Cosí il favore del loro pubblico sarà condiviso.

Controverso

Reddit, l’innovativo web influencer in materia di contenuti, è la prova vivente della popolarità che hanno i contenuti polemici. Come strenuo difensore del diritto alla libertà di parola questo sito web di notizie social e di intrattenimento è stato criticato per i contenuti espliciti condivisi da molte delle sue comunitá, chiamate “subreddits “, contenuti che sono tra i più popolari del sito.

Gli Insight di Reddit, creati utilizzando l’ API pubblico del sito, mostrano una forte correlazione tra la polemicitá degli argomenti dei “subreddit” e il livello di interazione che incoraggiano. I maggiori e più controversi dei “subreddit”, quelli che ottengono più di 14 voti al giorno e per visitatore ottengono una media di 10 voti a favore e otto voti contrari.

Naturalmente i comunicatori e i loro clienti hanno più responsabilità pubblica che il “redditor” medio, e devono evitare a tutti i costi polemiche inutili. In questo caso la lezione è chiara: i professionisti delle relazioni pubbliche dovrebbero essere intrepidi, senza aver timore di creare dei nemici al brand, e concentrati a plasmare una forte, anche se controversa, brand image. Come diceva Oscar Wilde, spesso immerso nelle polemiche: “C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sè: non far parlare di sè.”

Content Brands

Per l’ esperto di marketing Andrew Davis i comunicatori dovrebbero dimenticarsi del tutto dei contenuti brandizzati e concentrarsi piuttosto sulla creazione di contenuti per gli utenti. In questo mondo di opt-in, il futuro sará di esperti in marketing e PR che sappiano sfruttare il potere dei sottoscrittori – e che valorizzino le relazioni a lungo termine, al di là di View, Impression e likes.

Secondo Wishpond, specialista in social media marketing, il 68 % degli utenti afferma di leggere contenuti personalizzati dal brand che preferito, e il 78 % ritiene che le organizzazioni che si occupano di contenuti siano interessate a costruire buone relazioni. Prendendo di mira nicchie di mercato specifiche e sfruttando i vuoti nelle tematiche, i comunicatori possono costruire contenuti che parlino ai consumatori nella loro lingua, in un contesto significativo, che talvolta crei qualche polemica, creando valore per tutti i soggetti coinvolti.

Che cosa ne pensi ? Ci siamo scordati qualcosa? Come vedi il futuro della ricerca , dei contenuti e delle PR?

Lascia un commento

Carica altro 5 + 5 =